XIII PremioTERCAS . primo premio . Istituto tecnico commerciale ed alberghiero a Giulianova (TE)

Il progetto opera ai margini della fascia costiera edificata del Comune di Giulianova, in una zona di recente sviluppo, interessata da insediamenti sparsi ed eterogenei, dove artificio e natura reclamano insieme la loro presenza.

L’obiettivo prioritario che il progetto si propone è quello di radunare i vari accadimenti disseminati all’intorno dell’area di progetto, ponendosi come punto di coagulo d’uso e percettivo, attraverso una pratica di intervento che mette in opera la natura stessa del sito. Due i temi di architettura che il progetto affronta: la grande copertura ed il sistema dei piani. Due quindi i valori compositivi; il primo riferito al territorio che rimanda ad un altrove, il secondo connaturato proprio al luogo specifico a svelare la natura del sito.

Il bordo del terreno su via Ruetta Bompadre, sistemato a parcheggio e ingresso principale, si solleva dolcemente vero l’interno del lotto ad annunciare una copertura lenticolare. Tale copertura contiene al di sotto, lo spazio di percorrenza comune nonché le attrezzature, gli uffici e le aule professori.

Lo spazio collettivo che si sviluppa al di sotto del grande tetto, segue l’andamento del terreno, aprendosi sempre di più lungo il corso della discesa e confluendo nella parte più bassa in un grande atrio a doppia altezza, vero e proprio spazio centrale del complesso. Sotto la copertura, che lungo la sezione longitudinale registra i vari dislivelli, trovano tra l’altro sistemazione il connettivo direzionale, la biblioteca, la centrale termica, ed uno spazio per la ricreazione.

(dalla relazione di progetto)

L’incarico deriva dall’esito del Premio Tercas 1999.

progetto:
arch. Gianluca Buzzelli, arch. Nicola Iezzi, arch. Donato Lobefaro, Alessandro Luigini (concorso)

consulente
prof. arch. Giuseppe Barbieri